Stracciatella andriese: gli “stracci” che fanno impazzire il mondo

Pasta con broccoli, pomodori secchi e caciotta di pecora al peperoncino.
Gennaio 15, 2019
Bocconcini fritti di mozzarella affumicata su vellutata di piselli: idea ricetta per Carnevale
Marzo 1, 2019

Stracciatella andriese: gli “stracci” che fanno impazzire il mondo

Stracciatella sulla pizza, sulla pasta o nei piatti preparati ad arte dagli chef gourmant. Oggi la stracciatella andriese è conosciuta in tutto il mondo ed è a prova di stelle michelin.

La stracciatella è un prodotto caseario tipico pugliese, nello specifico della città di Andria (BT), fatto di latte vaccino, ma non solo. È una specialità da gustare da sola o in abbinamento ad altri ingredienti per la preparazione di piatti tipici rivisitati – come le orecchiette con le cime di rapa – e nella cucina gourmet. Da nord a sud, e all’estero, la stracciatella è ormai un ingrediente che non manca nei ristoranti in Italia e in quelli italiani all’estero.

Stracciatella pugliese: la storia

La parola stracciatella deriva da “stracci”. Nacque all’inizio del ‘900 per recuperare i residui della lavorazione della mozzarella, prelevando dall’acqua di filatura fino all’ultimo sfilaccio e recuperando la parte grassa del siero.

I residui venivano così mescolati con della panna fresca, dando vita alla stracciatella, che, avvolta in un involucro fatto anch’esso di pasta filata, prende il nome di burrata, caratterizzata da una freschezza incredibile e da un sapore delicato, che viene ottenuta a partire da una pasta filata di colore bianco neve. 

Proprio per questa sua natura particolare, questo latticino è considerato particolarmente grasso, giacché presenta circa 230 kCal per ogni etto di formaggio.

La stracciatella è quindi il prodotto della necessità di ottimizzare la materia prima disponibile in ambito rurale, per questo è indicato sia per piatti “semplici”, che rispecchiano l’origine del latticinio, e per menu ricercati.

Stracciatella pugliese: preparazione

Per ottenere un’ottima stracciatella, si utilizzano essenzialmente i seguenti ingredienti:

  • latte di vacca o di bufala;
  • panna;
  • caglio;
  • sale.

La preparazione della stracciatella può avvenire durante tutto l’anno, sebbene alcuni sostengano che i mesi a cavallo tra primavera ed estate siano quelli maggiormente indicati per ottenere un risultato qualitativo eccellente. Tra le caratteristiche più lampanti di questo latticino, possiamo sottolineare sicuramente l’assenza di occhiature e di crosta, mentre per quanto riguarda la consistenza, la stracciatella è particolarmente morbida.

Affinché la stracciatella risulti morbida, dolce e fresca al palato, alla base di una buona stracciatella troviamo sempre una mozzarella di alta qualità alla quale si va ad aggiungere la panna al massimo livello di freschezza.

Da oggi puoi acquistare la stracciatella pugliese direttamente online e riceverla direttamente a casa . Fresca come quella che acquisti dal caseificio di fiducia e mettere a tacere i “morsi di nostalgia”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *